Conosci il marketing predittivo? Come applicarlo all'ospitalità

 

 

Come al solito è un termine che abbiamo mutuato dai “marketers” americani e ultimamente se ne comincia a parlare anche in Italia.

 

Potremmo definire il marketing predittivo come l'estrazione di informazioni da un insiemi di dati dei clienti esistenti per determinare un modello e ...

prevedere i futuri risultati e le tendenze future (definizione tratta da “Everstring”).

Si tratta quindi di una tecnica ancora giovane, ma che ultimamente ha subito una accellerazione grazie a tre fattori principali:

  1. enormi quantità di dati che vengono ricavati dalla cronologia degli acquisti, dal comportamento e dai dati demografici che derivano da altre fonti

  2. l'ubiquità di accesso: grazie all'accesso in streaming è ora possibile monitorare in tempo reale ciò che accade

  3. la semplicità del Cloud (della “nuvola” letteralmente tradotto ) che custodisce immensi data base con sofisticati algoritmi che aiutano l'innovazione
    Secondo l'azienda di marketing Everstring solo il 10% tra gli intervistati che si occupano di questo compito in azienda lo sta utilizzando!

Quasi certamente sarà questo il futuro del marketing, che non è una scienze esatta, ma pare aiuti molto a convertire in maggiori vendite.

Tutto questo apre decisamente nuovi scenari applicato anche nel campo dell'ospitalità!

Una società specializzata (ancora americana!, che si chiama Nsight), ha ben spiegato come questa tecnica sfrutta i dati del presente per trarne indicazioni sul futuro diventando un valido strumento per incrementare le vendite. Prima di prenotare online un utente consulta 20 o 30 siti per confrontare prezzi e disponibilità. Tutta questa fase crea milioni di informazioni definite come una sorta “impronte digitali” che sono detti Big Data. Una volta analizzati raccontano come il cliente arrivi all'acquisto finale. Vi è mai capitato di ricercare un soggiorno online sul vostro computer per una determinata località e poi nei giorni successivi trovarvi suggerimenti simili collegati alla vostra ricerca? Ecco qui sta il punto: vi si offre ciò che cercate anticipando un vostro desiderio. Studiando tutti questi dati che provengono da un sito e dai tanti portali di prenotazione è possibile individuare dei modelli di comportamento degli utenti ed infine effettuare delle analisi predittive, prevedendo cioè i comportamenti futuri ed orientando l'utente nella fase decisionale oltre a dare indicazioni alle decisioni commerciali e di marketing dell’albergo.

Questo permetterà di prevedere quale può essere il vostro prossimo mercato di sviluppo e quale sarà la reazione al cambio di tariffe che applicherete!

 

Tutto rimandato quindi ad ingegneri gestionali attraverso software sempre più raffinati? Indubbiamente il loro compito è fondamentale per fornirci una base su cui ragionare, anche se ritengo che debba essere sempre e comunque integrato da una visione d'insieme del proprio business, dalla propria esperienza e da un'attenta valutazione dei cambiamenti nella modalità di comportamento dei clienti per creare dei prodotti e un'ospitalità che corrisponda sempre di più ai bisogni dei viaggiatori.

Scrivi commento

Commenti: 0